Tag

Sul finire dello scorso anno assistemmo all’avvio delle indagini note come “Mafia Capitale” che interessarono ed interessano molte persone ed aziende, tra queste la Cooperativa 29 Giugno che ad Anguillara opera nei servizi di raccolta dei rifiuti.

Immediatamente dopo tale evento l’Amministrazione comunale inviò tutta la documentazione inerente l’appalto per la raccolta dei rifiuti all’ANAC, l’Autorità Nazionale Anticorruzione, al fine di sottoporre a verifica l’avvicendamento nella gestione del servizio tra la Coop. Formula Ambiente – iniziale esecutrice del servizio – e la Coop. 29 Giugno – “subentrata” sul finire del 2012.

Decidemmo di procedere in questo modo anche in risposta alla strumentalizzazione cui assistemmo da parte dell’opposizione che, nonostante alcuni membri della stessa fossero agli inizi del 2011 alla guida della nostra Città al momento in cui fu aggiudicato l’appalto al CNS e, quindi, alla Coop. Formula Ambiente (altra Coop. di cui il Buzzi era Presidente), decise di scrivere all’ANAC stessa ipotizzando irregolarità nella gestione del rapporto contrattuale.

Lo scorso 16 novembre l’Ufficio Vigilanza Servizi e Forniture dell’Autorità Nazionale Anticorruzione ha provveduto ad inviare una risposta – che si allega al presente comunicato: Nota ANAC – al Sindaco di Anguillara Sabazia Francesco Pizzorno (nota indirizzata anche d uno dei consiglieri di minoranza in quanto mittente dell’esposto all’ANAC di cui sopra) all’interno della quale è contenuto di fatto il parere in merito all’affiancamento della Coop. 29 Giugno come esecutrice del servizio di recupero e smaltimento dei rifiuti urbani.

ANAC promuove il Comune di Anguillara

ANAC promuove il Comune di Anguillara

Nella nota l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha dato ragione al Comune di Anguillara in merito alla regolarità delle procedure svolte per procedere alla sostituzione dell’esecutore del servizio nel rispetto alle norme previste dal Codice degli Appalti, ribadendo, inoltre, la possibilità da parte della Cooperativa 29 Giugno di proseguire lo svolgimento del servizio, quale consociata del CNS.

All’interno dell’istruttoria è stato, peraltro, chiarito, come anche fatto dall’Amministrazione in sede di Consiglio comunale e con la nota diffusa il 13.12.2014 (vai alla nota), che il termine «subentro» fosse impreciso, in quanto, di fatto, trattasi di «affiancamento» della Cooperativa 29 Giugno alla altra Cooperativa Formula Ambiente, così come richiesto dal CNS. La Cooperativa 29 Giugno è subentrata nell’esecuzione materiale del servizio (raccolta, trasporto, smaltimento dei rifiuti urbani) affiancando la Cooperativa Formula Ambiente, che, però, non è uscita dal contratto assumendo, invece, un ruolo di «controllo e coordinamento del servizio».

La nota prosegue affermando che “Tale «subentro» o «affiancamento», non costituisce una cessione del contratto di appalto ed a questo proposito l’Autorità ha ritenuto legittima la modifica dell’impresa esecutrice rispetto a quella indicata in sede di gara”. L’Autorità ha, inoltre, chiarito che la designazione dell’esecutore del servizio è un atto rilevante solo nei rapporti interni tra il Consorzio e le sue consorziate. Tale modifica non incide, perciò, sul soggetto partecipante alla gara e/o esecutore del contratto, che rimane immutato.

Secondo l’Autorità Nazionale Anticorruzione, infine, non vi sono ragioni che ostacolino la possibilità da parte della Cooperativa 29 Giugno di proseguire lo svolgimento del servizio, visto che la nomina dei tre amministratori giudiziari a seguito dell’inchiesta “Mafia Capitale” comporta la prosecuzione dell’attività ordinaria con il mantenimento di tutti i rapporti contrattuali in essere e non prevede una causa di esclusione.

Eravamo certi di aver agito correttamente e nel rispetto pedissequo della legalità – fanno sapere da Palazzo Orsini – come peraltro sempre fatto. Il parere espresso dall’ANAC pone fine a lunghe e sterili polemiche da parte di chi proclama di avere a cuore le sorti del paese, dentro e fuori il Consiglio comunale, per poi assumere sempre un atteggiamento strumentale e fine a se stesso“.

L’Amministrazione Comunale

Annunci