Tag

, , ,

Acquedotto del Montano, aggiornamento del 6 dicembre 2013

LE ANALISI DELLA ASL/ARPA LAZIO CONFERMANO IL RIENTRO NEI PARAMETRI DI LEGGE DELL’ACQUA DISTRIBUITA DALL’ACQUEDOTTO DEL MONTANO!

Ci siamo lasciati qualche settimana fa con la pubblicazione dei risultati delle analisi delle acque distribuite dall’acquedotto del Montano eseguite da laboratori privati al fine di valutare la soluzione tecnica progettata e realizzata dal Comune per ovviare all’eccessiva quantità di arsenico e fluoruri nelle acque emunte dai pozzi locali. Già in quell’occasione evidenziammo il rientro dei parametri nei limiti stabiliti dalla legge, ma essendo la ASL/Arpa Lazio l’unico organo preposto a fornire indicazione al Comune per il ritiro dell’ordinanza di non potabilità, comunicammo di dover attendere gli esiti delle analisi che questi avrebbero eseguito.

Stamattina la ASL/Arpa Lazio ha confermato telefonicamente il rientro dei parametri dei metalli suddetti nei limiti stabiliti dalla legge. Non è ancora giunta al Comune la comunicazione a firma del responsabile del servizio ASL preposto che, recependo i risultati delle analisi eseguiti dall’ARPA, comunica al Comune di ritirare l’ordinanza di non potabilità. Quindi, considerando che domani e dopodomani gli uffici rimarranno chiusi, l’appuntamento per l’emissione dell’ordinanza di revoca di non potabilità slitterà a lunedì o martedì prossimi.

Vista l’importanza del tema si è comunque deciso di fornire immediata informazione, seppur per mezzo di canali di comunicazione virtuali quali sono quelli internet, al fine di rassicurare tutta la cittadinanza che il problema acqua potabile è stato finalmente risolto anche per il Montano.

Si rammenta che il ritiro dell’ordinanza di non potabilità dell’acqua deve essere fatto, per legge, per mezzo di Ordinanza Sindacale, quindi, finché questa non sarà emessa, permane il divieto di uso per fini potabili dell’acqua distribuita dall’acquedotto del Montano.

Annunci