Tag

,

Domenica 3 marzo, dalle 8 alle 20, si vota per eleggere il Segretario nazionale del PD.

Ribadisco l’esigenza di recarsi a votare per assicurare la elezione di Zingaretti alla guida del Partito Democratico.

Si delinea ormai da tempo la suddivisione della politica in 3 grandi blocchi: centro sinistra, centro destra e opportunisti (M5S). Se sono chiari gli attori che calcano la scena nel centro destra (Salvini) e tra le fila degli opportunisti (Di Maio e Di Battista), ancora è incerto il profilo di chi dovrebbe fungere da nucleo centrale nel centro sinistra.

Tempo fa già mi sono espresso in merito e lo ribadisco ora, è più che mai urgente che a guidare il centro sinistra e, quindi, il PD che è – nolente o volente – il solo partito strutturato e ancora in piedi, sia un segretario che chiuda definitivamente con le strategie partitocratiche e oligarchiche che con Renzi hanno avuto la loro massima espressione.

Per questa ragione è essenziale assicurare che alla guida del PD venga eletto Zingaretti, il solo che ha dichiarato di voler aprire a tutte le forze politiche e civiche che si riconoscono nei valori del centro sinistra.

E’ una scelta quasi scontata, all’orizzonte si profila uno scenario politico che ritengo a dir poco preoccupante e c’è bisogno di una forza di centro sinistra che punti a consolidare un fronte che sia il più ampio possibile e, quindi, più solido e rappresentativo. Soprattutto perché gli opportunisti e le forze minoritarie del centro destra (FdI e FI), fungono da stampella al vero “dominus” della politica di destra di oggi, la Lega di Salvini. E’ imbarazzante constatare come queste forze politiche, a turno, si prostrino come Cassio ai piedi di Cesare, basta assistere ai lavori parlamentari per rendersene conto.

La storia insegna che quando una forza politica ha avuto modo di agire incontrastata, gli esiti sono stati nefasti per tutti. Una forza politica forte e ampia e che riesca a remare dalla parte opposta è essenziale, anche per chi oggi è sulla cresta dell’onda.

Sogno un Paese diverso, un Paese dove regni l’armonia, il dialogo, l’integrazione. Sogno un Paese di cui potermi sentire parte, non estraneo. E per raggiungere questi semplici obiettivi è necessario che qualcuno provi a rappresentare tutti quelli che la pensano come me, nel modo più ampio e aperto possibile.

Zingaretti è l’unica via sostenibile per ricomporre il centro sinistra.

Ad Anguillara si vota #piazzagrande a:

  • Seggio 1 – Locale in Piazza del Molo n. 20 (vicino al Bar del Molo), votano gli iscritti alle sezioni elettorali 1 – 2 – 3 – 13 e gli stranieri;

  • Seggio 2 – Circolo PD in Via A. Toscanini 1 (sotto filiale Unicredit), votano gli iscritti alle sezioni elettorali 4 – 5 – 6 – 7 – 8 e i giovani;

  • Seggio 3 – Locale in Via della Mainella n. 10 (vicino al Bar dopo la scuola “Scalo”, zona Stazione), votano gli iscritti alle sezioni elettorali 9 -10 -11 -12 -14 -15.

Enrico Stronati

Annunci